CIAMBELLA PASTIERA

 In Ricette

di Valentina Cappiello

Ingredienti:

400g di ricotta romana a temperatura ambiente.
Usate ricotta ovina, romana DOP, più asciutta e gustosa rispetto a quella vaccina che ha una maggiore concentrazione di acqua e un sapore più blando, oppure quella mista vaccina/ovina o, da campana, vi suggerisco la ricotta di bufala dop –
4 uova a temperatura ambiente
350 g di zucchero semolato tipo Zefiro
70 g di grano cotto Chirico
400 g di farina 00
15 g di lievito per dolci
50 ml di olio di semi di arachide
30 g di latte intero a temperatura ambiente
un pizzico di sale
1/2 cucchiaino di cannella
i semini di 1/2 bacca di vaniglia Bourbon o mezzo cucchiaino di estratto
1 cucchiaio e mezzo di acqua millefiori
la scorza grattugiata di mezzo limone non trattato
la scorza grattugiata di mezza arancia non trattata

Procedimento:

In una ciotola, lavorate la ricotta a temperatura ambiente prima da sola, a mano con un cucchiaio di legno o una spatola, fino a farla diventare una crema. Tenete da parte.
Separate i tuorli dagli albumi e montate questi ultimi a neve ferma con qualche goccia di limone. Tenete da parte.
Montate, con le fruste elettriche o in planetaria con la frusta, i tuorli con lo zucchero, la vaniglia, la cannella e la scorza di arancia e di limone fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. A questo punto aggiungete la ricotta, poca per volta e continuando a montare.
Unite il grano, mescolate bene, e poi aggiungete l’acqua millefiori e l’olio.
Incorporate la farina setacciata con il lievito, a mano con una frusta, e poca per volta.
Per ultimi aggiungete il latte, mescolando bene, e poi gli albumi montati a neve, sempre a mano con una frusta e con movimenti delicati dal basso verso l’alto.
Trasferite il composto nello stampo imburrato e infarinato e cuocete in forno a 160°C per 70 minuti circa. La cottura dovrà essere lenta e dolce. Vale la prova stuzzicadenti.
Sfornate, fate intiepidire e sformate. Trasferite su un piatto o un vassoio e, da freddo, coprite con pellicola alimentare.

Il dolce è più buono il giorno dopo, il riposo permetterà agli aromi di esprimersi al meglio.

Riempite il foro centrale con ovetti confettati al cioccolato e, se volete, spolverizzate con zucchero a velo prima di servire.

Recommended Posts
Seguici su